NEWS

CNA PIEMONTE 2017: CONFERMATO FABRIZIO ACTIS COME PRESIDENTE REGIONALE

Sviluppo, cambiamento, territorio e interconnessione: le proposte della CNA per lo sviluppo del nord-ovest. Questo il tema al centro della tavola rotonda che ha aperto i lavori dell'assemblea elettiva di domenica 9 luglio all'Auditorium Vivaldi di Torino.
 Immagine: Fabrizio Actis Presidente CNA Piemonte Dopo i saluti e i ringraziamenti di rito del segretario Filippo Provenzano sul palco è salito il presidente Fabrizio Actis che ha esposto la sua relazione. «Oggi per noi la parola crisi deve essere bandita dalla discussione, in quanto dobbiamo renderci conto che quello in cui viviamo è il mondo che ci è stato consegnato da una crisi epocale. Significa semplicemente cercare di focalizzarsi sulla ripartenza, puntando sull'innovazione e sullo sviluppo».

La rappresentanza come risorsa da sfruttare, rafforzare il confronto con la politica e le istituzioni, valorizzare le vocazioni dei territori, la manifattura e il turismo, queste le proposte della CNA Piemonte per il territorio. Uno sviluppo che si può realizzare soltanto con la promozione del Made in Italy, la messa in sicurezza del territorio, l'adeguamento del patrimonio immobiliare e l'efficientamento energetico, e un'innovazione che includa anche le micro e piccole imprese. Una competizione che si gioca tra sistemi territoriali in cui il nord-ovest ha interessi reali e reciproci da sostenere.

Luca Ponzi, vice caporedattore del TGR Piemonte ha moderato la tavola rotonda a cui, con Fabrizio Actis, hanno partecipato: Sergio Chiamparino, presidente della Giunta Regionale; il senatore Stefano Esposito, vice-presidente della VIII Commissione permanente Lavori pubblici del Senato; Claudia Porchietto, del gruppo di Forza Italia al Consiglio Regionale; il professor Daniele Marini, docente all'Università di Padova; Filippo Provenzano, segretario della CNA Piemonte.

«La rivoluzione a cui stiamo assistendo è sociale - ha spiegato il professor Daniele Marini nella sua introduzione - e dobbiamo essere disposti ad accogliere il cambiamento culturale: un'impresa sempre più inserita in reti, filiere, connessioni, sistemi territoriali coesi all'interno di un contesto più ampio».
Il Presidente della Regione Sergio Chiamparino ha posto l'accento sull'innovazione: «È un tema strategico in cui c'è uno spazio enorme per l'impresa di filiera e di rete. Si deve creare un legame fra natura, cultura e turismo e lo stimolo che può arrivare dal mondo della CNA è fondamentale».

I meccanismi di rete e di filiera sono già congeniali per le imprese, che hanno bisogno di essere maggiormente coinvolte nei processi di innovazione. «Dobbiamo accelerare e agganciare il cambiamento - ha sottolineato il segretario Filippo Provenzano - ma chiediamo anche di favorire i processi che sono in corso includendo anche la micro e piccola impresa».

Potremmo essere più veloci nell'agganciare lo sviluppo? «Come Paese abbiamo un limite - ha risposto Stefano Esposito - e si tratta della difficoltà a tradurre le scelte in azioni concrete. Anche laddove ci si riesce, le scelte politiche sono state fatte tanto tempo prima».

Per Claudia Porchietto di Forza Italia lo sviluppo passa attraverso strategia e un cambio di mentalità. Ha detto: «Con una strategia di medio e lungo termine, Piemonte, Lombardia e Liguria possono diventare insieme l'asse portante dello sviluppo del Paese».

Le conclusioni sono state affidate al segretario nazionale della CNA, Sergio Silvestrini. Non soltanto cambiamento e innovazione al centro del suo intervento, ma anche il ritrovato ruolo determinante della rappresentanza, l'importanza dell'azione interlocutoria della CNA ai tavoli della politica, e la necessità di essere lungimiranti e di muoversi al passo del futuro. «Dobbiamo fare sistema superando un atteggiamento localista, poiché se il localismo non si connette con una dimensione più ampia si annulla la forza dei territori. Dobbiamo trovare il coraggio di una rivoluzione per un Paese che ne ha tutte le potenzialità, perché siamo un popolo straordinario».

Al termine del dibattito e della parte pubblica, gli organismi dirigenti eletti della CNA Piemonte hanno riconfermato Fabrizio Actis come presidente per i prossimi quattro anni.

Galleria di immagini

Condividi su:
Condividi su FB
Condividi su Google+
Condividi su LinkedIn
Condividi su Twitter
11-07-2017


Le sedi CNA in provincia

Segr. Provinciale:
BORGO SAN DALMAZZO
Via Cuneo 52/I
Tel. 0171/265536 Fax 0171/268261

Uffici territoriali:

MONDOVI’
Via Pietro del Vecchio 10
Tel. 0171/265536 - Fax 0171/268261
SAVIGLIANO
Via Torino 90
Tel e Fax 0172/33632
BRA
Via Cavour, 11
/images/slide/img_17.jpg /images/slide/img_18.jpg